Corsi creativi

Dreamdust

Via Giulia di Barolo, 11/G - 10124 Torino (TO)

Condividi con

RICHIEDI INFORMAZIONI AL FORNITORE

Leggi il codice di verifica
captcha
Inserisci il codice di verifica

Approfondimenti

Bambini e creatività: come imparare a svilupparla?

Scopriamo insieme cos’è la creatività, come coltivarla e perché è importante valorizzarla nei bambini e quali espedienti usare per riscoprire quella dei più grandi

È luogo comune pensare che la creatività sia un dono naturale. In una società dove il valore del singolo bambino è misurato in base ai suoi successi, siano essi voti scolastici o la precocità con cui inizia a camminare, spesso ci si dimentica dell’importanza del pensiero creativo.

Per creatività non si intende la bravura o meno nel colorare o nel saper disegnare paesaggi da cartolina. No, niente di più sbagliato!
La creatività è qualcosa di più, è la “capacità di creare con l’intelletto, con la fantasia” che “ha come fattori caratterizzanti: particolare sensibilità ai problemi, capacità di produrre idee, originalità nell’ideare, capacità di sintesi e di analisi…” (vocabolario Treccani).

In altre parole, la creatività è quella capacità che consente al bambino, a prescindere dall’età, di capire il mondo che lo circonda, rielaborando in maniera autonoma ogni aspetto della realtà e ogni esperienza vissuta.

La creatività aiuta i bambini a gestire i problemi e a reagire positivamente ai cambiamenti

Recentemente in Australia molte scuole hanno iniziato ad adottare un sistema di insegnamento denominato STEAM in cui anche le materie scientifiche vengono affrontate cercando di tirare in gioco la creatività di ogni alunno.

Questo progetto è nato per preparare gli studenti anche a tutti quei lavori futuri che ancora non esistono. Ecco l’importanza della creatività!

La creatività non è innata.
Ci sono molte attività in grado di svilupparla fin dai primi mesi di vitaEcco qualche idea pratica, divertente e stimolante. Quello che dovete sempre tenere a mente è che il bambino deve divertirsiSviluppare la creatività deve essere per lui un gioco e non deve mai metterlo di fronte a sfide troppo difficili. Non c’è una risposta giusta o una sbagliata. Per una mente creativa gli alberi possono essere viola e i gatti verdi.
Dimenticatevi di preconcetti e pregiudizi. Tornate anche voi bambini per un attimo e saprete sicuramente partire con vostro figlio in un viaggio meraviglioso alla scoperta del mondo.

Lasciate spazio alla noia

Quest’affermazione sembra contraddire tutto quanto spiegato fino adesso. Per noia in questo caso s’intende però quei momenti in cui non proponiamo attività al bambino.
Fin da quando hanno pochi mesi i bimbi vengono stimolati con giochi, musiche, luci. Viviamo in una società frenetica, lasciatemi dire troppo frenetica.
Ogni bambino ha invece bisogno di un’ora o due a settimana senza stimoli esterni. Il momento di noia consentirà al bambino di sviluppare l’immaginazione, tappa essenziale per lo sviluppo del pensiero creativo.
Ecco quindi che la sedia diventerà un castello per le bambole e un tappo di sughero una super car.

Lasciateli giocare da soli

Questo secondo punto è fortemente legato al primo. I bambini non devono sempre giocare in solitaria, ma hanno bisogno di scoprire il mondo senza troppe interferenze. In altre parole il bambino deve camminare da solo nella sua scoperta del mondo, deve fare le sue piccole scoperte in libertà.
Facciamo un passo indietro e diamo ai bambini, fin da piccolissimi, la possibilità di capire cosa vogliono e come ottenerlo, risolvendo da sé gli eventuali problemi che gli si presentano. Ciò non significa lasciare soli i bambini ma educarli alla libertà tenendoli sempre per mano.

Dedicategli uno spazio creativo

Regalate ai vostri bimbi la possibilità di sviluppare in maniera tangibile fantasia e creatività. Dedicate uno spazio della casa alle attività creative o iscrivetelo a corsi che diano l’opportunità di esprimere la sua vena creativa.
Attraverso l’arte il bambino esprime le sue emozioni. E l’arte non è detto che sia solo un bel disegno: l’arte è tutto ciò che scaturisce dalla fantasia e dalla creatività.

Fate domande ai vostri bambini 

Che vostro figlio non sappia ancora parlare o che sappia già tre lingue incoraggialo a guardarsi intorno, ad analizzare il mondo che lo circonda. Domande semplici come “ci sono tanti alberi in questo parco?”, “sei felice oggi?”, “di che colore è il cielo?” possono sembrare banali ma non lo sono.
Oltre a stimolare il bambino ad analizzare ogni aspetto di ciò che lo circonda, queste domande lo aiutano a trovare soluzioni creative.
Ricorda che non ci saranno mai risposte sbagliate! Il cielo è arancione? Benissimo! E le nuvole invece di che colore sono? Piove o c’è il sole? La creatività è un processo mentale: lasciatevi guidare dalla fantasia e non sbaglierete strada.

Non premiate il risultato ma il percorso

Apprezzate i vostri bambini per quello che sono. Non fossilizzatevi sul vostro desiderio di vederli primeggiare in tutto quello che fanno. Non conta quanto presto impari a camminare, quanto sia bravo a giocare a calcio o il 10 che ha preso durante la verifica di italiano.
Conta quanto si sia impegnato per ottenere quel risultato. Conta quanto il suo pensiero creativo lo porti a continuare a provare e riprovare, cadere e rialzarsi, sbagliare e ricominciare da capo.

Incoraggiatelo, sempre.

Entrare
a far parte del
mondo
Guidabimbi
è facile!

Sono un fornitore

VUOI PROMUOVERE LA TUA ATTIVITÀ?

Scopri come con Guidabimbi

Siamo una famiglia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER