Centro professionale

Tandem

Via Sant’Antonino, 17/B - 10139 Torino (TO)

RICHIEDI INFORMAZIONI AL FORNITORE

Leggi il codice di verifica
captcha
Inserisci il codice di verifica

Approfondimenti

Centro Tandem affronta il tema delle ripetizioni individuali

La pedagogista Germana Boffo del Centro Tandem spiega come ottimizzare il lavoro di sostegno allo studio scolastico attraverso le “ripetizioni individuali”: come funzionano e perché favoriscono l’apprendimento?

È passato da poco il tempo del primo scrutinio quadrimestrale, momento di valutazione e di ripartenza per gli studenti grandi e piccoli ma anche periodo di ansia e preoccupazione per molti genitori che spesso si interrogano su quale aiuto essi possano dare ai propri figli.

Quali sono i più recenti dati statistici sulle valutazioni scolastiche?

Può essere utile allora proporre alcune considerazioni, a partire da qualche dato statistico pubblicato di recente.

Secondo alcune ricerche ben quattro studenti su dieci annoverano una o più insufficienze, in particolare nel primo anno della scuola superiore.

Ma ci sono anche ragazzi che ritengono non adeguata la loro valutazione, pur sufficiente e desiderano migliorare le loro “ performances”.

Apparentemente sono problemi diversi, in realtà entrambe le casistiche ripropongono una questione di fondo: spesso la scuola non sa, o più probabilmente non può, rispettare le caratteristiche cognitive di ciascun alunno e si limita ad un intervento “sulla media” della classe.

Il sostegno allo studio personalizzato si basa su un efficace gestione delle tempistiche di apprendimento

Gli studi recenti di psicologia cognitiva e le neuroscienze dimostrano invece che l’attenzione ai tempi, alle pause, agli stili cognitivi di ciascun ragazzo potrebbe favorire da parte loro un approccio più sereno e partecipe al processo di insegnamento-apprendimento.

Pensiamo ad esempio al tempo necessario per apprendere, cioè per trasformare un input qualsiasi, un’informazione, in reale apprendimento che però non può avvenire istantaneamente: servono la ripetizione dei concetti, un approccio diversificato, ( Gardner parlava di “porte diverse di accesso”), una pausa temporale tra un insegnamento e un altro, una fase di riflessione personale ( a questo dovrebbero servire i compiti a casa).

Solo così l’apprendimento si realizza, attraverso la riorganizzazione delle conoscenze già possedute, la loro integrazione con le nuove conoscenze e la memorizzazione stabile e duratura.

Come organizzare il contesto ideale per l’apprendimento durante le ripetizioni

Pensiamo inoltre al “setting” ovvero al contesto organizzativo più favorevole per l’apprendimento.

Accanto al grande gruppo-classe, talvolta eccessivamente grande, è utile talvolta un rapporto più diretto e personalizzato con il docente che, accolte le insicurezze e le potenzialità del ragazzo, può intervenire più facilmente e tempestivamente sulle difficoltà, siano esse di attenzione e concentrazione, di comprensione o semplicemente di comunicazione.

In altre situazioni, con altri obiettivi, ad esempio lo studio di uno o più argomenti disciplinari, può essere utile organizzare un piccolo gruppo cooperativo dove ciascuno ha un ruolo e un compito per il raggiungimento di un obiettivo comune, ad esempio l’apprendimento di un capitolo di storia piuttosto che la soluzione di un problema di fisica o di matematica.

Questo è il senso delle cosiddette “ripetizioni” individuali, che semplice ripetizione dell’argomento non dovrebbero essere, bensì occasione di riflessione sul proprio modo di imparare e sulle potenzialità di miglioramento e crescita per ciascuno.

A cura della Dott.ssa Germana Boffo
Pedagogista
Scuola TANDEM Torino

Entrare
a far parte del
mondo
Guidabimbi
è facile!

Sono un fornitore

VUOI PROMUOVERE LA TUA ATTIVITÀ?

Scopri come con Guidabimbi

Siamo una famiglia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER