Letture

Nonno Manlio

Condividi con

RICHIEDI INFORMAZIONI AL FORNITORE

Leggi il codice di verifica
captcha
Inserisci il codice di verifica

Approfondimenti

Episodio 4: nonna Marietta e la moto

Un’altra storia di nonno Manlio. Nonna Marietta non era mai salita su una moto, anzi, aveva un po’ paura delle moto, ma quella di Enrico era cosi bella che non resistette alla tentazione. Accetto’ il passaggio e salì…

Enrico il papà di nonno Manlio. Da giovane andava in villeggiatura a Usseglio. Aveva una grande motocicletta inglese, la Triumph, con il sedile posteriore molto alto. Faceva un bel rumore tonante, quella moto, come le Harley Davidson. Tutti la ammiravano.

Una volta Marietta, giovane sposa, disse che l’indomani avrebbe preso la corriera per andare a Torino. Enrico le offrì un passaggio in moto: “se vuoi  ti porto io. Parto domattina presto, e arriveremo a Torino molto prima della corriera”. Marietta era indecisa. La voglia di salire su quel bestione di ferro ammirato da tutti era tanta, ma altrettanta la paura. “Non temere – le disse Enrico – basta che ti tieni bene, io ti prometto che andrò piano”. E così lei accettò.

Il mattino dopo partirono, e andò tutto bene fino a Lemie. Però la strada da Usseglio a Viù a quel tempo aveva il fondo di terra battuta pieno di buche. Nell’affrontarne una più profonda, la moto ebbe un forte sobbalzo e Marietta, che forse non si teneva bene, volò nel fosso. Non si fece niente, salvo qualche strappo al vestito e qualche graffio, ma Enrico non se ne accorse e proseguì, convinto di averla sempre seduta dietro. Solo quando si fermò a Viù per offrirle un caffè si accorse del sellino vuoto. “Oddìo, l’ho persa per strada!”.

Spaventatissimo rifece la strada al contrario, temendo di trovare Marietta per terra ferita. Invece la trovò in piedi, sana e impolverata, che camminava verso Viù. Le chiese scusa, la invitò a risalire, ma lei non volle. “Aspetto la corriera – disse – sarà più lenta ma è molto più sicura”. Non ci fu verso di convincerla.

A Enrico non restò che restituirle la borsa e ripartire da solo per Torino.
Nessuno dei due scordò mai più quell’avventura.

Entrare
a far parte del
mondo
Guidabimbi
è facile!

Sono un fornitore

VUOI PROMUOVERE LA TUA ATTIVITÀ?

Scopri come con Guidabimbi

Siamo una famiglia

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER